17 dicembre 2019

Civiltà delle Macchine n°3 2019

L’individuo deve tornare al centro di progetti che abbiano orizzonti di lungo periodo. Questo è il tema di una lunga intervista ad Alessandro Profumo nella sezione “Pensieri Lunghi” dedicata al rapporto tra impresa e società. Sullo stesso argomento, a trent’anni dalla pubblicazione la rilettura de “Le mosche del Capitale”, il romanzo sul mondo dell’industria italiana scritto da Paolo Volponi. Quindi l’eterna attualità del topos fantozziano.

La storia. Mario Desiati racconta il ritorno alla terra dei figli dei metalmezzadri. Tra la fine degli anni Sessanta e gli anni Ottanta, tutto cambia nelle campagne intorno a Taranto.

In “Futuri” la contrapposizione tra umano e non umano attraversa i dialoghi con Massimo Cacciari e Luciano Floridi.

Ancora, Giulio Giorello ci mostra come i Paperi della Walt Disney si siano districati, nel corso degli anni, tra le “due culture”, quella tecnico-scientifica e quella umanistica, arrivando persino a scoprire il metilene ‎CH2.

Nel segno della lezione sinisgalliana, infine, i disegni dei bambini della Scuola Caulino di Vico Equense per il Progetto Leonardo, portano un po’ di tenerezza sulle pagine della nostra rivista. Radici per una nuova civiltà dell’infanzia.

Leggi qui il terzo numero

Condividi sui Social

Il Nostro Magazine

Civiltà delle Macchine

Ultimo numero Nuova Edizione
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy