28 novembre 2019

Intervento del Presidente del Consiglio Conte nel corso della conferenza sullo statuto etico e giuridico dell’intelligenza artificiale

L'intervento del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso della conferenza sullo “statuto etico e giuridico dell’intelligenza artificiale” di Fondazione Leonardo Civiltà delle Macchine

“I compiti del presidente del Consiglio sono tanti. E tra questi anche quello di dare una prospettiva, progettare il Paese che vogliamo. Ecco perchè vengo qui a confrontarmi con voi e cogliere gli spunti delle vostre ricerche". Così il Primo Ministro Giuseppe Conte intervenendo alla Camera dei Deputati per la conferenza “Statuto etico e giuridico per l’Intelligenza artificiale” organizzata dalla Fondazione Leonardo.

“Lo sviluppo dell’Intelligenza artificiale è una questione di assoluto rilievo e di carattere strategico per l’azione di governo in virtù della prospettiva di progresso e crescita”.

L’umanesimo digitale promosso dalla Fondazione è stato condiviso da Conte: “l’etica e il diritto guidano e orientano lo sviluppo tecnologico, dobbiamo porci il problema di governare i processi e di indirizzare la rivoluzione tecnologica”.

Nel suo intervento il Premier ha citato l’uomo antiquato di Günther Anders che diventando subalterno alle macchine da lui create, ne avverte il dislivello rispetto ai propri mezzi fino a sentirsi inadeguato e perdendo centralità. Ulteriore menzione a Martin Heidegger e il “rischio di sviluppo acefalo della tecnica” e infine all’apprendista stregone di Johann Wolfgang von Goethe come esempio da evitare per rilanciare la formazione all’innovazione nell’era digitale.

L'intervento

Il Presidente Conte alla Conferenza sullo statuto etico e giuridico dell’intelligenza artificiale

Condividi sui Social

Il Nostro Magazine

Civiltà delle Macchine

Ultimo numero Nuova Edizione
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy