28 novembre 2019

La conferenza sullo statuto etico e giuridico dell’intelligenza artificiale in numeri

Ai due giorni della Conferenza sullo statuto etico e giuridico dell’intelligenza artificiale, presso la Camera dei Deputati, hanno preso parte più di 320 tra accademici, esperti del settore, rappresentati delle istituzioni e del mondo imprenditoriale.

Tra i presenti Nella nuova Aula del Palazzo dei Gruppi parlamentari, che ha ospitato l’assemblea plenaria, anche Viktor Elbling, Ambasciatore della Repubblica Federale di Germania in Italia; Nuria Sanz Gallego, direttrice UNESCO del Messico; Stéphanie Lacour, direttrice di ricerca presso il CNRS francese e Kazuo Inumaru, partner fondatore di Ethic Intent e Professore di Antropologia Sociale, Management Giapponese, Gestione delle Risorse Umane e Comunicazione Cross-culturale.

Hanno partecipato ai lavori anche 45 studenti provenienti dall’Istituto Tecnico per il Turismo Cristoforo Colombo e l’Istituto di Istruzione superiore Lattanzio, e 40 studenti universitari delle Facoltà di Ingegneria della Sapienza Università di Roma e dell’Università di Roma Tre.

Nel corso dell’assemblea plenaria della prima giornata di lavori, a seguito della presentazione dei paper di Fondazione Leonardo, sono intervenuti diversi discussant del mondo accademico internazionale ed esperti del settore high-tech: Roberto Battiston, presidente della Fondazione E. Amaldi e già presidente dell’ASI – Agenzia Spaziale Italiana; Paolo Benanti, professore straordinario della Facoltà di Teologia della Pontificia Università Gregoriana; Olivier Fontibus, presidente del Comitato Pratiche Legali del Consiglio Nazionale Forense francese; John E. Jackson, professore di unmanned and robotic system presso lo US Naval War College; Jean Lassègue, direttore di ricerca presso il CNRS francese; Dory Reiling, honorary senior judge dell’Amsterdam district Court e Mariarosaria Taddeo, deputy director del Digital Ethics Lab dell’Oxford Internet Institute.

Durante la seconda giornata di lavori si sono tenute 4 sessioni di lavoro parallele che hanno esplorato i problemi etici e giuridici dell’intelligenza artificiale in diversi campi di applicazione: il tavolo di lavoro su IA e medicina coordinato da Carlo Casonato, professore ordinario di diritto pubblico comparato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento, ha visito la partecipazione di circa 35 esperti in materia; il tavolo di lavoro su IA e finanza coordinato da Ruggero Gramatica, CEO di Yewno, ha coinvolto circa 30 personalità del mondo finanziario e bancario; il tavolo su IA e sicurezza coordinato da Laurent Sissmann, Unmanned System Manager Leonardo, ha avuto un’ampia affluenza con più di 60 tra esperti e studenti; da ultimo circa 40 giuristi hanno partecipato al tavolo di lavoro su IA e giustizia coordinato da Oreste Pollicino, professore ordinario di diritto costituzionale presso l’Università Bocconi.

Condividi sui Social

Il Nostro Magazine

Civiltà delle Macchine

Ultimo numero Nuova Edizione
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy