01 April 2020

Diario di Arianna/3

  • Di Arianna De Luca

Ogni giorno, fino al più bel giorno: quando saremo nel dopo.

Voglio stare con lui. Lo voglio adesso. Cerco di mettermi nei panni di chi vive una relazione a distanza ed è costretto a conviverci, ma credo che ciò che realmente complichi la nostra situazione è vivere nella stessa città e rendere questo fattore totalmente irrilevante.

A volte penso che la stia vivendo in maniera sbagliata, che stia forse esagerando. In verità credo che quando si ami qualcuno sia normale mettere la ragione un po’ da parte. Inizio a pensare a cosa farei se lo avessi qui, a tutte quelle cose che una videochiamata non è in grado di dare.

Mi manca sentire il suo profumo, le sue mani tra i capelli. Penso a tutte le persone che come me stanno vivendo questa situazione e ripeto a me stessa che questa è soltanto una fase e che come tale sarà destinata a finire. Ma quando?

Intanto metto il mondo in pausa e mi godo la pioggia. Sento il rumore da sotto le coperte ed è una sensazione piacevole: le giornate di sole, infatti, ti fanno uscire fuori mentre in una giornata come quella di oggi sento di non aver particolarmente voglia di lasciare la mia camera.

Preferisco circondarmi di buona musica e annullare i miei pensieri. E magari guardando correre le ore dallo schermo del mio cellulare.

E ne sono passati tanti di pezzi di giornata, se ne scivolano via mentre sul telefono resta fermo soltanto lo sfondo di un'immagine. Siamo io e il mio ragazzo in una foto scattata a Milano. Lui mi dice sempre che non capisce il perché io abbia scelto proprio quella, che ne abbiamo di foto più belle. A me piace perché mi fa pensare a un momento felice, uno dei tanti passati insieme.

La voglia insoddisfatta di stare con lui rappresenta ormai una costante. Alcuni giorni diventa più forte e quasi impossibile da sopportare. Il tempo trascorso insieme sembra non sia mai troppo, ma adesso anche soli cinque minuti potrebbero essere abbastanza.

Ciò che sento è la commistione di tristezza e rabbia. È come se una spinta irrazionale mi facesse ignorare le circostanze in cui ci troviamo. Voglio stare con lui.

Arianna De Luca, studentessa

Arianna De Luca, studentessa

Share on social networks

Articoli Correlati

arianna de luca
Pensieri Lunghi30 March 2020
arianna de luca
Pensieri Lunghi31 March 2020
arianna de luca
Pensieri Lunghi02 April 2020
arianna de luca
Pensieri Lunghi03 April 2020
arianna de luca
Pensieri Lunghi06 April 2020
arianna de luca
Pensieri Lunghi07 April 2020
arianna de luca
Pensieri Lunghi08 April 2020
Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Marzo 2020

Il primo numero del 2020 è un focus dedicato allo spazio, alle questioni giuridiche derivanti dalla diffusione di nuovi soggetti coinvolti nel settore spaziale, alle problematiche relative alla sicurezza, alla sostenibilità legata alla presenza di un alto numero di satelliti in orbita, nonché alle opportunità di crescita della Space Economy.

Museums System

The Leonardo museums bear exceptional witness to the technological and industrial memory and constitute an instrument of dialogue and constant sharing between the company and the territory. They were born out of the awareness that a large part of the industrial culture of our time is not only produced by the great cultural and educational institutions, but is also formed within companies. Living, dynamic structures, corporate museums represent a point of reference for communities and territories, centres of industrial culture open to visitors, researchers, students, economic and cultural operators.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy