21 March 2020

Il bisogno di comunicare. Dalla penna allo smartphone

  • Di Lorenzo Fiori

“Siamo in guerra…ma il nemico è invisibile”, dicono tutti ed è proprio così

In questo tempo emergenziale e incredibilmente ansiogeno, sotto un bombardamento mediatico h24 senza precedenti, capita - per esempio grazie ad un “vecchio” ricordo - di fermarsi un attimo e riflettere nel proprio “rifugio” mentale.

Qui, a Genova, in Fondazione Ansaldo ci sono tanti ricordi di un passato che copre la storia d’Italia, come nazione, dal 1860 fino alla recente contemporaneità: documenti, foto, cortometraggi, testimonianze che raccontano quanto il mondo sia cambiato e continui a cambiare, sempre più velocemente.

Villa Cattaneo dell'Olmo, Genova. Sede della Fondazione Ansaldo

Villa Cattaneo dell'Olmo, Genova. Sede della Fondazione Ansaldo

Ieri, nel silenzio della Villa Cattaneo dell’Olmo, lungo il Polcevera vicino al nuovo Ponte che prende sempre più forma e completezza, icona della ripartenza di una città dopo una grande tragedia, mi imbatto in queste due pubblicità d’epoca, della prima guerra mondiale. Incredibilmente significative del bisogno di comunicare, di sentirsi vicini, allora differito nel tempo e soggetto alla censura militare tra chi stava al fronte a combattere il nemico visibile e chi, nel paese di origine, palpitava per la sua sorte.

Oggi, comunicare è invece libero, in tempo reale, individualmente ma anche pluralisticamente e multilateralmente.

Un fatto però non cambia ed è il bisogno, da sempre irrinunciabile, del genere umano di comunicare e di sentirsi vicini condividendo emozioni talvolta frivole, molte volte profonde, di riscoprire le proprie radici e la propria identità, non soltanto quella familiare e delle amicizie ma anche quella nazionale.

Non più una penna - e una carta con busta e francobollo - ma un telefonino con sim e app per combattere il nemico invisibile e condividere la speranza di un domani, quanto prima e presto, di ritorno alla normalità: “#celafaremo”, dicono tutti e sarà proprio così.

Share on social networks

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Marzo 2020

Il primo numero del 2020 è un focus dedicato allo spazio, alle questioni giuridiche derivanti dalla diffusione di nuovi soggetti coinvolti nel settore spaziale, alle problematiche relative alla sicurezza, alla sostenibilità legata alla presenza di un alto numero di satelliti in orbita, nonché alle opportunità di crescita della Space Economy.

Museums System

The Leonardo museums bear exceptional witness to the technological and industrial memory and constitute an instrument of dialogue and constant sharing between the company and the territory. They were born out of the awareness that a large part of the industrial culture of our time is not only produced by the great cultural and educational institutions, but is also formed within companies. Living, dynamic structures, corporate museums represent a point of reference for communities and territories, centres of industrial culture open to visitors, researchers, students, economic and cultural operators.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy