04 May 2021

Intelligenza artificiale e arte contemporanea: al MAXXI il “Super Hu.Fo* Voynich”

  • Di Redazione

“Apprendete con attenzione il rimedio spirituale e misterioso mutato in formidabile medicina”. È questo l’incipit della traduzione del codice Voynich? Chissà.

Considerato tra i testi più misteriosi ed esoterici, il manoscritto datato al XV secolo è scritto in una lingua sconosciuta. Persino Alan Turing, padre dell’intelligenza artificiale, provò a tradurlo senza successo. E proprio l’intelligenza artificiale insieme al pensiero di un’artista, è al centro dell’opera “Super Hu.Fo* Voynich, di Mariagrazia Pontorno, presentata nella grande mostra collettiva Re-define the Boundaries, a cura di Daniela Cotimbo, che sarà ospitata dal MAXXI di Roma dal 5 al 30 maggio. L’esposizione indaga il rapporto tra intelligenza artificiale e arte contemporanea attraverso i dieci progetti vincitori della seconda edizione del Re:Humanism Art Prize che con una call for artists internazionale ha raccolto oltre duecento candidature da tutto il mondo.
Nei secoli i tentativi di comprendere il Voynich sono stati tanti, e specie negli ultimi anni è arrivato più volte l’annuncio della soluzione, rilanciato dalla stampa con toni sensazionalistici.

Da questa premessa - il desiderio di tradurre il Voynich a ogni costo, pilotando i risultati con salti inconsapevoli della fantasia - nasce il progetto di Pontorno, che ha tradotto una parte del codice fornendo a un sistema di intelligenza artificiale la soluzione da trovare, quindi falsificando consapevolmente l'esito dell'elaborazione della macchina.
Nel video presentato in mostra, una bambina sembra tradurre con perizia le prime pagine del manoscritto. La bimba, portatrice di quel pensiero magico-irrazionale connesso al lato creativo ma anche all’intuizione, è metafora del raffronto tra il pensiero umano e quello del computer. Il perno centrale del discorso - la differenza tra la qualità delle due intelligenze, quella umana e quella artificiale - viene proposto attraverso un espediente narrativo basato anch'esso sulla costruzione di un falso sapere e sulla manipolazione di codici e di associazioni arbitrarie. Una grande bacheca in mostra custodisce la documentazione del lavoro, permettendo al visitatore di ripercorrere i passaggi dell’opera, dalla traduzione fornita come input alle fasi di addestramento della tecnologia del machine learning

Share on social networks

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Febbraio 2021

Il primo numero del 2021 è un viaggio linguistico nella parola democrazia. Le quattro sezioni della rivista analizzano le diverse sfumature del rapporto tra il regime democratico e le sue possibili declinazioni in campo poetico, politico, economico e scientifico. Sono intervenuti, tra gli altri, Valerio Magrelli, Andrea Cortellessa, Angelo Panebianco, Sofia Ventura, Pietro Reichlin, Valeria Termini, Marcella Panucci, Laura Boella e Antonio Pascale.

Museums System

The Leonardo museums bear exceptional witness to the technological and industrial memory and constitute an instrument of dialogue and constant sharing between the company and the territory. They were born out of the awareness that a large part of the industrial culture of our time is not only produced by the great cultural and educational institutions, but is also formed within companies. Living, dynamic structures, corporate museums represent a point of reference for communities and territories, centres of industrial culture open to visitors, researchers, students, economic and cultural operators.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy