25 January 2021

La voce (digitale) dei morti: il brevetto Microsoft per la ‘resurrezione’ dei cari estinti

  • Di Andrea Venanzoni

Il rapporto tra tecnologia e morte è da sempre forte, stringente e a tratti incoffessabile. Nella fumosa e inquieta Inghilterra vittoriana le gioie dell’arte della fotografia vennero sin da subito piegate per realizzare allegorici, e vividi, ritratti in posa di corpi di morticini vestiti a festa. L’invenzione della dagherrotipia scalzò letteralmente la pratica dei dipinti funerari arrivando a consistere di un autentico genere autonomo: quello della fotografia post-mortem.

Genitori agghindati per una festa crudele, disposti ai lati del corpo esanime, vestito anch’esso in maniera elegante, i lineamenti distesi, gli occhi aperti, volto curato per sembrare tragicamente ancora vivo. A questo genere di fotografia, con tutte le sue implicazioni storico-culturali, ha dedicato negli anni scorsi due volumi di studio Mirko Orlando, ‘Ripartire dagli addii: uno studio sulla fotografia post-mortem’ (MJM Editore, 2010) e ‘Fotografia post mortem’ (Castelvecchi, 2013).

Letture essenziali anche per chi decida di confrontarsi con il tema della morte nella società digitale. Perché Internet, sin dalla sua comparsa sulla linea d’orizzonte dell’umanità, si è atteggiato anche quale dispositivo di superamento del limite e di vocazione alla eternità: la Rete non dimentica, si dice spesso, e ciò è tanto più vero nel caso della morte.

Frammenti di esistenza continuano a galleggiare, ovunque, sospesi in un limbo digitale di memorie, ricordi, commenti, partecipazione a discussioni.

Facebook ha affrontato il tema tra il 2015 e il 2019 con un radicale cambio di policy e adottando una strategia piuttosto lineare anche se non esente da controversie: trasformare il profilo del defunto in una sorta di ‘stanza del ricordo’, gestita da un parente o da un amico, oppure consentirne la cancellazione integrale.

Ma la tendenza della tecnica a cercare di vincere il biologico e i suoi limiti sembra essere troppo forte, troppo pervasiva per accontentarsi di soluzioni comunque antropocentriche. Ed è così che dal rutilante mondo delle start-up statunitensi ci giunge un brevetto per poter parlare, per via digitale, con i morti. Morti famosi, come personaggi storici, o parenti morti, mediante un sistema di intelligenza artificiale combinato con un elaborato sistema di riproduzione vocale.

La Microsoft ha presentato il brevetto il primo dicembre 2020; nella sommaria descrizione si legge ‘creazione di un Bot per la riproduzione vocale di specifiche persone’.

In apparenza un claim piuttosto neutro, ma andando a leggere nella relazione illustrativa che appare sul sito dell’ufficio brevetti statunitense ci si rende conto che l’idea mira a ricostruire personalità anche del passato, non solo di valenza e rilevanza storica, ma anche parenti o amici. Una sorta di tavoletta Oujia per conversare coi morti.

Per fare questo però, e la stessa Microsoft sembra ben consapevole dei rischi, è necessario disporre di una mole enorme di dati che affinino e cesellino la personalità digitale che si va a creare: un data-mining virtualmente infinito che scavi tra gli effetti personali del soggetto che andrà ad essere impersonato dal Bot.

Anche qui soccorre una esperienza storica già vissuta, in questo situata sul delicato crinale tra tecnologia ed esoterismo: quello delle voci elettroniche, o psicofonia, ovvero le presunte voci dei morti captate con sensori e apparati tecnici appositamente congegnati, di cui maggiore inventore e sostenitore fu il lettone Kostantin Raudive (suo il volume apparso anche in Italia nel lontano 1974, anno della morte di Raudive e ormai oggetto di collezione ‘Voci dall’Aldilà’).

Anche in quel caso c’era una penetrazione fisica nel dolore dei vivi, dei parenti ancora sconvolti, uno scivolare lento e sinuoso, da Cuore di tenebra, negli ambienti martoriati dal peso del lutto.

Ed in entrambi i casi, tanto in quello della psicofonia quanto in quello del brevetto Microsoft, in questa commistione stordente di alta tecnologia e di credenze mistiche, giunge a nuove vette di significato la frase di Cesare Pavese, ‘ la tua modernità sta tutta nel senso dell’irrazionale’.

Share on social networks

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Febbraio 2021

Il primo numero del 2021 è un viaggio linguistico nella parola democrazia. Le quattro sezioni della rivista analizzano le diverse sfumature del rapporto tra il regime democratico e le sue possibili declinazioni in campo poetico, politico, economico e scientifico. Sono intervenuti, tra gli altri, Valerio Magrelli, Andrea Cortellessa, Angelo Panebianco, Sofia Ventura, Pietro Reichlin, Valeria Termini, Marcella Panucci, Laura Boella e Antonio Pascale.

Museums System

The Leonardo museums bear exceptional witness to the technological and industrial memory and constitute an instrument of dialogue and constant sharing between the company and the territory. They were born out of the awareness that a large part of the industrial culture of our time is not only produced by the great cultural and educational institutions, but is also formed within companies. Living, dynamic structures, corporate museums represent a point of reference for communities and territories, centres of industrial culture open to visitors, researchers, students, economic and cultural operators.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy