03 May 2021

L’ingranaggio del potere

  • Di Andrea Venanzoni

Come ogni altra cosa, scrive Elias Canetti in ‘Massa e potere’, il potere porta in sé la propria fine. E proprio in quel larvato senso di tensione quasi escatologica si cela il segno più palese, forse apocalittico, forse solo sghembo, della tragica lezione di che cosa sia e di cosa davvero comporti il potere: solitudine, abnegazione, silenzio, accortezza, conoscenza capillare e penetrante, tutto il contrario, a ben guardare, del rumoroso e chiassoso populismo che ha fatto gazzarra nelle aule parlamentari al grido di ‘uno vale uno’ o snocciolando rosari nelle piazze, come se davvero il rituale del consenso popolare alchemicamente mutato in voti elettorali potesse avere senso e significato e non fosse piuttosto l’abbaglio di una fine propiziata da una assolata spiaggia estiva.

Ed è per questo che il prezioso libro di Lorenzo Castellani, ‘L’ingranaggio del potere’ (Liberilibri, 2020) si apre con la tecno-democrazia, sopra cui pende non come una taglia ma come un ammonimento severo la dicitura ‘l’altro potere’: perché, è la riflessione di Castellani, nello spazio sempre più squassato dalla incertezza e dal livore di masse riottose, insoddisfatte delle obsolescenti istituzioni parlamentari, si è incuneato, mediante il principio di competenza, un potere di tecnici, di competenti appunto, di chierici.

E in questa torsione è deflagrata, come una bomba nucleare, ulteriore tensione; perché maggiormente si avanza quel potere slegato dal vincolo della sovranità popolare e autopoieticamente destinato a cooptarsi e ad auto-replicarsi, più la massa cercherà referenti visibili, chiassosi come lei, e che esibiscano patenti di repulsione per la competenza.

Castellani, docente di Storia delle istituzioni politiche presso la LUISS, ci ricorda i fondamenti strutturali del potere tecnico, le modalità di accesso, e la tensione ineliminabile con il principio di rappresentanza politica, la assolutizzazione del demos e della sua volontà, come se esso potesse davvero incarnare il punto di caduta della estrinsecazione empirica delle decisioni politiche.

E d’altronde già Francesco Galgano, sul finire del suo fondamentale ‘Lex mercatoria’ poneva in luce il germinare potente della tecno-democrazia e della ‘democrazia aziendale’: in un mondo globale, spesso vuoto di Stato e di Costituzioni, dove la legge si rende evanescente o fluida, la replica strutturale della democrazia si incista nei nodi connettivi delle grandi società commerciali, nelle quali da sempre tecnica e competenza rappresentano humus vitale.

Nella sua analitica ricostruzione e decostruzione, Castellani si sofferma sulla fenomenologia e sulla genesi storica del pensiero tecnocratico, passando in rassegna gli antecedenti storici, tra cui una squisita rilettura del Podestà medievale come primo tecnocrate della storia delle istituzioni: una lezione preziosa questa vista la neo-medievalizzazione della società contemporanea, tra deleghe sempre più estese e una latente personalizzazione della relazionalità politica, con sistemi vassallatici a rete di interessi comuni i quali dilatano e straziano il ventre dei partiti.

Weber, Galbraith, Schmitt, Pareto, Mannheim, Taylor ci accompagnano in questo viaggio dantesco nelle viscere della terra del potere, dentro cui sondiamo la consistenza nebbiosa e inafferrabile della essenza più profonda della gestione della cosa privata e pubblica.

Particolarmente rilevanti le conclusioni, nelle quali si sottopone a forte vaglio critico il processo di iper-centralizzazione dettato da qualunque forma di tecnocrazia, la quale inevitabilmente tende a coagularsi verso un centro, ritenuto nocciolo duro della propria consistenza competenziale. Federalismo, sussidiarietà, decentramento funzionale al contrario rappresentano caratterizzazioni essenziali e vitali, per evitare quella ‘democrazia sotto tutela’ che è nei fatti una tecnodemocrazia.

Il libro è particolarmente rilevante e dovrebbe essere letto, e riletto, e certamente compreso, da chi si approccia alla gestione del potere, sia egli un politico o un ‘tecnico’ con vocazione gestionale: perché, ancora oggi, si è scarsamente compreso che assai spesso le decisioni di ultima istanza, quelle destinate davvero a incidere sulla realtà effettuale, non sono solo quelle che possono originare dal chiuso dell’urna elettorale.

Share on social networks

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Febbraio 2021

Il primo numero del 2021 è un viaggio linguistico nella parola democrazia. Le quattro sezioni della rivista analizzano le diverse sfumature del rapporto tra il regime democratico e le sue possibili declinazioni in campo poetico, politico, economico e scientifico. Sono intervenuti, tra gli altri, Valerio Magrelli, Andrea Cortellessa, Angelo Panebianco, Sofia Ventura, Pietro Reichlin, Valeria Termini, Marcella Panucci, Laura Boella e Antonio Pascale.

Museums System

The Leonardo museums bear exceptional witness to the technological and industrial memory and constitute an instrument of dialogue and constant sharing between the company and the territory. They were born out of the awareness that a large part of the industrial culture of our time is not only produced by the great cultural and educational institutions, but is also formed within companies. Living, dynamic structures, corporate museums represent a point of reference for communities and territories, centres of industrial culture open to visitors, researchers, students, economic and cultural operators.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy