27 March 2020

Milano e la Lombardia, Lombardia e Milano, sempre insieme mai divisi

  • Di Lorenzo Fiori

A seguito dell’articolo "il senso lombardo per la comunità" un commento di Lorenzo Fiori, direttore della Fondazione Ansaldo e soprattutto milanese e lombardo.

Hanno corso tanto negli ultimi anni. Hanno macinato risultati su risultati. Milano è diventata la locomotiva di un treno socio-economico-produttivo tra i migliori a livello europeo. Addirittura, il PIL di Milano è cresciuto nell’ultimo quinquennio di quasi il 10%, recuperando tutto il gap, e di più, rispetto ai livelli post-crisi 2008 e gettando le basi per le Olimpiadi con Cortina nel 2026, sulla scia del grande exploit di Expo2015.

Oggi Milano e le belle Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Monza-Brianza, Pavia, Sondrio sono diventate improvvisamente provincie spettrali. Città e paesi vuoti, avvolti in un silenzio angosciante, dove la distanza fisica tra le persone è la cifra di una guerra contro un nemico invisibile per il quale si combatte senza armi, ma con la energia e la forza di volontà di ciascuno.

Vista delle città di Cremona dal Torrazzo, simbolo della città e torre campanaria medievale più alta d’Europa

Vista delle città di Cremona dal Torrazzo, simbolo della città e torre campanaria medievale più alta d’Europa

Ce la faranno – ce la faremo, anche se nulla potrà più essere come prima, ci vorrà del tempo.

Occorrerà ripartire, riscoprendo quelle che sono state indicate quali vocazioni principali e fondamentali di questo territorio: l’agro-alimentare, la manifattura, le scienze della vita, l’arte-cultura-design-università, la finanza.

Su queste si innesta poi un’eccellenza: il terzo settore con il suo volontariato, solidale e forte, capillare e inclusivo, accogliente e generoso, con tutti indistintamente.

L’insieme di queste forze è la miglior fondamenta sulla quale costruire la speranza di ripartenza e il futuro prossimo venturo, sempre con l’etica lombarda di “fare bene il proprio mestiere”.

Se la sfida prioritaria è oggi quella di sconfiggere il virus, Milano e la Lombardia devono prepararsi a un’altra sfida, immediatamente successiva: far ripartire il treno, riprendendosi quel ruolo di assoluta rilevanza europea e internazionale. “Terra di mezzo” avevano detto i latini di questo territorio, oggi “corridoio europeo” tra Mediterraneo e Baltico tra Atlantico e Mar Nero.

Dovrà essere recuperato il ritardo ma l’opportunità di riappropriarsi di quella finestra aperta sul palcoscenico globale con Expo2015 è già fissata al 2026 (Olimpiadi invernali che Milano condivide con Cortina). “Rubando” le parole di un past-president della Regione Lombardia Pietro Bassetti, il 2026 è non soltanto una occasione ma il traguardo per affermare quella caratteristica distintiva della Lombardia, di Milano e delle comunità che da multi-regionali allora sono oggi multi-etniche: essere “glocal”, cioè al tempo stesso locali – con le proprie tradizioni – e globali grazie a quella propensione a proiettarsi nel mondo con il frutto delle proprie idee, creatività, entusiasmo e del proprio lavoro.

Share on social networks

Articoli Correlati

oriano giovanelli
L'ora di Oriano20 March 2020
Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Marzo 2020

Il primo numero del 2020 è un focus dedicato allo spazio, alle questioni giuridiche derivanti dalla diffusione di nuovi soggetti coinvolti nel settore spaziale, alle problematiche relative alla sicurezza, alla sostenibilità legata alla presenza di un alto numero di satelliti in orbita, nonché alle opportunità di crescita della Space Economy.

Museums System

The Leonardo museums bear exceptional witness to the technological and industrial memory and constitute an instrument of dialogue and constant sharing between the company and the territory. They were born out of the awareness that a large part of the industrial culture of our time is not only produced by the great cultural and educational institutions, but is also formed within companies. Living, dynamic structures, corporate museums represent a point of reference for communities and territories, centres of industrial culture open to visitors, researchers, students, economic and cultural operators.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy