09 July 2020

Pandemia e democrazia: l’impegno di Fondazione Leonardo - Civiltà delle Macchine

  • Di Alessandro Pajno

La pandemia di Covid-19, nell’incertezza di un quadro internazionale ancora in evoluzione, ha già trasformato le relazioni tra Stato e cittadini in tutti i paesi occidentali, e non solo in essi. La crisi sanitaria si è accompagnata ad una situazione di assoluta eccezionalità che ha condotto a limitazioni temporanee dei diritti fondamentali, con l’introduzione di misure di quarantena e distanziamento sociale che hanno alterato la normale configurazione dello spazio pubblico.

Sono emerse nuove potenziali contraddizioni tra la salute come diritto soggettivo e la salute come diritto collettivo, e tra il diritto alla salute tout court e le esigenze del sistema economico. Allo stesso tempo, per far fronte all’emergenza, i governi nazionali hanno adottato iniziative nuove che hanno modificato il tradizionale equilibrio tra i poteri dello Stato, in una prospettiva in cui il tempo dell’emergenza sembra proiettarsi ancora a lungo sul futuro.

Nel nostro paese, ma non soltanto in esso, la pandemia, e la situazione di emergenza che la caratterizza, è sopravvenuta nel pieno di una transizione epocale, quella dalla società analogica alla società digitale, da una società caratterizzata da modalità comunicative e organizzative tradizionali, ad una società che comunica e crea il consenso attraverso tecnologie informatiche. La centralità del digitale è stata enormemente potenziata dal sopravvenire della crisi: dall’utilizzo di software di intelligenza artificiale per il tracciamento del contagio alla nuova connettività del lavoro remoto, passando per la telemedicina. Le nuove tecnologie svolgono un ruolo di prevenzione e controllo, ma pongono anche delicate questioni costituzionali: come tutelare la privacyindividuale di fronte al panopticon digitale? Come inquadrare lo statuto delle piattaforme digitali, veri e propri poteri tecnologici privati, all’interno dei nostri ordinamenti?

Fondazione Leonardo Civiltà delle Macchine vuole rispondere a questa e altre domande con il progetto Pandemia e democrazia: rule of law nella società digitale: una ricerca a tutto campo, che coinvolge numerose università e istituti di ricerca, per analizzare gli effetti dell’emergenza sanitaria sulla tenuta del modello democratico occidentale. La ricerca prenderà in considerazione non soltanto le trasformazioni avvenute nel sistema istituzionale e amministrativo per far fronte al governo della pandemia, ma anche i suoi effetti sull’evoluzione del concetto di cittadinanza, sulla tutela dei diritti della persona di fronte alla nuove tecnologie e sulle trasformazioni dei diritti sociali nel contesto della più grave crisi economica dal dopoguerra ad oggi. L’obiettivo è quello di offrire l’opportunità di riflettere sulle linee guida per la ricostruzione del Paese, oltre la pandemia.

Share on social networks

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Maggio 2020

Quali saranno le conseguenze economiche, politiche e sociali della pandemia? È questo il focus del nuovo numero della rivista che vede gli interventi, tra gli altri, di Chiara Saraceno, Michele Fusco,Emanuele Felice e Francesco Grilllo. In apertura, inoltre, l’intervista al premio Nobel della fisica 2019 Didier Queloz.

Museums System

The Leonardo museums bear exceptional witness to the technological and industrial memory and constitute an instrument of dialogue and constant sharing between the company and the territory. They were born out of the awareness that a large part of the industrial culture of our time is not only produced by the great cultural and educational institutions, but is also formed within companies. Living, dynamic structures, corporate museums represent a point of reference for communities and territories, centres of industrial culture open to visitors, researchers, students, economic and cultural operators.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy