31 March 2020

Sono tempi perfetti per la shut-in economy

  • Di Francesco Pontorno

L'"economia chiusa" relativa a tutto quello che ordiniamo e ci facciamo arrivare direttamente a casa, è in grandissima crescita e sta già cambiando le nostre vite.

C’era un tempo in cui - parliamo di alcuni decenni fa e di cittadine, paesi, ma anche la grande città con le dovute differenze anche se la metropoli ha sempre mostrato la caratteristica dell’alienazione - c’era un tempo, dicevamo, in cui la vita di una persona era un ciclo e trovava piena espressione nella dimensione apparentemente ridotta di un piccolo centro. La socialità, con tutti i riti religiosi e laici, la vita artistica anche se amatoriale, con le compagnie teatrali, il cinema frequentatissimo, l’attività agonistica e sportiva ancora piuttosto eroica, i circoli dei nobili e quelli degli operai di mutuo soccorso. Un mondo lontanissimo dalla virtualità e dall’intangibilità del digitale, quindi remoto dalla contemporaneità e dal “distanziamento sociale” (social distancing) che in tempi di pandemia ha l’obiettivo di ridurre il “tasso di riproduzione netto” (l’R0 di cui tanto si è parlato e si sta parlando in questi mesi di coronavirus e quarantena).

Sono tempi perfetti per lo sviluppo della shut-in economy (espressione inglese che sta per “economia chiusa, confinata”), cioè l’economia relativa a tutto quello che ordiniamo e ci facciamo arrivare direttamente a casa. Lo avete sentito dire molte volte negli ultimi giorni. Cambieranno tante cose, la scuola, la sanità, l’attività fisica, la socialità. E la shut-in economy che già sta cambiando le nostre vite da alcuni anni, avrà un’ulteriore importante crescita. Quindi tutti i servizi on-demand di cui godiamo ogni giorno, le piattaforme di film, serie, documentari, il cibo, e la scoperta molto tardiva dello smart working, il lavoro da remoto, da casa, tutto l’infinito elenco di cose che già facciamo con il digitale diventerà ancora più nutrito e talvolta freddo (i corrieri lasceranno i pacchi lontano da noi e via dicendo) conferma in modo distopico quanto scriveva Lauren Smiley nel 2015 (online naturalmente) nel definire la shut-in economy: non è un’economia dello sharing, della condivisione, ma un’economia di chiusure. Di reclusioni.

Share on social networks

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Marzo 2020

Il primo numero del 2020 è un focus dedicato allo spazio, alle questioni giuridiche derivanti dalla diffusione di nuovi soggetti coinvolti nel settore spaziale, alle problematiche relative alla sicurezza, alla sostenibilità legata alla presenza di un alto numero di satelliti in orbita, nonché alle opportunità di crescita della Space Economy.

Museums System

The Leonardo museums bear exceptional witness to the technological and industrial memory and constitute an instrument of dialogue and constant sharing between the company and the territory. They were born out of the awareness that a large part of the industrial culture of our time is not only produced by the great cultural and educational institutions, but is also formed within companies. Living, dynamic structures, corporate museums represent a point of reference for communities and territories, centres of industrial culture open to visitors, researchers, students, economic and cultural operators.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy