03 May 2021

Vola un QR code tra le nubi di Shanghai

  • Di Francesco Pontorno

Stati Uniti, 1980. Tony Montana si affaccia nella notte di Miami e scorge il dirigibile pubblicitario della Pan Am: "The world is yours".

Cina, 2020. Si vola nei cieli dell'homo ludens. O si annuvola la volta celeste della distopia e si attinge al preculturale. Vola un QR code tra le nubi di Shanghai, come le proiezioni dei video sui palazzi, la tecnica del mapping tanto di moda per festeggiare le metropoli, o i cartelloni pubblicitari dinamici. Ma qui tutto è ancora più volatile, imprendibile. Vola un QR code tra le cuspidi e le guglie contemporanee e coloratissime di Shanghai, come fosse il faro intenso e pesante che richiama all'azione Batman, ma stavolta con dei lievi pipistrelli elettronici a comporre l'enorme quadro digitale nell’atmosfera. È questa l'immagine nei cieli della capitale economica della Cina, ma anche la fotografia di dove è diretta la rappresentazione del mondo, sempre in bilico tra la chimera del self-actualization e l’orrore della spersonalizzazione, della dispersione nel cyberspazio in cui nessuno sa dove ci si trovi di preciso.

Nei cieli di Shanghai si alzano quindi 1.500 droni. È così che l'azienda di video streaming cinese Bilibili, un business tutto a spinta generazione Z (sono i nati tra la metà degli anni Novanta e il 2010), ha scelto di festeggiare il primo anniversario dell’uscita nel Paese del gioco di ruolo Princess Connect! Re:Dive, sviluppato però in Giappone. Sabato 17 aprile, dopo uno spettacolo di luci in movimento, gli oggetti volanti si sono ricomposti in un gigantesco QR code attraverso cui poter scaricare contenuti e il gioco da installare nello smartphone.
La tecnologia del QR code è molto utilizzata in Cina, per il download di informazioni, per il marketing, per i pagamenti di ogni tipo. Ed è quel QR code che incombe sulle nostre teste il simbolo sicuro e indolente della crescita boom dell’economia cinese. Così antica e profonda, ma così veloce, bruciante e fuori dalle nostre cronistorie da festeggiare un anno dalla release di un gioco.

Share on social networks

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Febbraio 2021

Il primo numero del 2021 è un viaggio linguistico nella parola democrazia. Le quattro sezioni della rivista analizzano le diverse sfumature del rapporto tra il regime democratico e le sue possibili declinazioni in campo poetico, politico, economico e scientifico. Sono intervenuti, tra gli altri, Valerio Magrelli, Andrea Cortellessa, Angelo Panebianco, Sofia Ventura, Pietro Reichlin, Valeria Termini, Marcella Panucci, Laura Boella e Antonio Pascale.

Museums System

The Leonardo museums bear exceptional witness to the technological and industrial memory and constitute an instrument of dialogue and constant sharing between the company and the territory. They were born out of the awareness that a large part of the industrial culture of our time is not only produced by the great cultural and educational institutions, but is also formed within companies. Living, dynamic structures, corporate museums represent a point of reference for communities and territories, centres of industrial culture open to visitors, researchers, students, economic and cultural operators.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy