24 luglio 2019

L'Alfabeto delle Stelle. Evelina Christillin, il suo pezzo di cielo

Il firmamento è stato sempre fonte d’ispirazione per poeti, scienziati e innamorati, interpreti di una realtà che appartiene all’umanità intera e al cuore di tutti: il cosmo

Le stelle...le stelle si guardano, si recitano e si cantano soprattutto dal mare, dove “luccical’astro d’argento”; dove, anche guardando sul fondo, ci sono stelle marine a nuotare tra mille colori, e tutto sembrerebbe collegare le meraviglie dell’aria a quelle dell’acqua, in un eterno scambio di armonica poesia. Io invece no, le stelle piu’ belle le vedo lassu’, a un passo dal cielo, dalla cima del Monte Rosa, alla Capanna Margherita, il rifugio piu’ alto d’Europa. Si riflettono sulla neve e le sentiamo cantare la ninna nanna a noi alpinisti, ci accompagnano nel sonno esausto e le ritroviamo beneauguranti prestissimo al mattino, quando riprendiamo il cammino. Gli astri luminosi ci guidano, in cielo come in terra; scendendo a valle, le stelle alpine sono infatti goccioline fiorite delle loro grandi sorelle lassu’ e, come le briciole di Pollicino, ci portano tranquille verso casa.

Evelina Christillin,

Presidente Fondazione Museo Egizio

Condividi sui Social

Il Nostro Magazine

Civiltà delle Macchine

Ultimo numero Nuova Edizione
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy