08 maggio 2020

Avere fiducia non è un lusso, è un dovere

  • Di Peppino Caldarola

Il senso della fiducia

L’articolo del presidente Violante sul “Corriere della Sera”, poi riprodotto sul nostro sito, segna un punto di svolta nella cultura politica e di governo. Direi persino nel rapporto fra istituzioni e mondo reale. Violante, con riferimento agli imprenditori, invoca il criterio assoluto della fiducia, cioè quell’atteggiamento di uno Stato moderno che dotato di leggi (sarebbe l’ideale se ce ne fossero di meno) immagina di collaborare con il cittadino produttore e non di essere il suo sorvegliante.

Uno Stato e suoi organi che non siano come cane nel gregge, sia perché il cane non allontana il lupo sia perché non siamo gregge.

Perché il cane non allontana il lupo? Perché il lupo è oggi un animale indeterminato: possono essere uno o più concorrenti internazionali, può essere un clima sociale sfavorevole a chi fa impresa, può essere un rigorismo giudiziario che interviene con gran fragore su piccole cose.

Io sono convinto, e l’articolo di Violante rappresenta bene questa cultura, che l’Italia abbia bisogno di fare una rivoluzione fondata sulle proprie forze e che queste forze siano considerate, in via di principio, positive e legali, non siano guardate in cagnesco né per odio politico classista né per la sua versione moderna che è la sospettosità giustizialista.

L’Italia, come accadde nel dopoguerra, dovrà essere luogo di conflitti anche politici e sociali, anche duri (è la democrazia, bellezza!) , ma deve avere forze che possano sentirsi in patria nel nostro paese, non nemici potenziali, non corrotti/corruttori ipotetici, ma persone che hanno un talento imprenditoriale, che sanno muovere ricerca, forza lavoro, denaro, mercati.

Avere fiducia non è un lusso, è un dovere.

Condividi sui Social

Articoli Correlati

luciano violante
Rassegna Stampa07 maggio 2020
Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Maggio 2020

Quali saranno le conseguenze economiche, politiche e sociali della pandemia? È questo il focus del nuovo numero della rivista che vede gli interventi, tra gli altri, di Chiara Saraceno, Michele Fusco,Emanuele Felice e Francesco Grilllo. In apertura, inoltre, l’intervista al premio Nobel della fisica 2019 Didier Queloz.

Sistema Museale

Il Sistema Museale Integrato si presenta quale realtà unica in Italia comprendente musei, archivi storici e altre realtà espositive proprietà di Leonardo, adiacenti ai siti produttivi. Con l’obiettivo di valorizzare e comunicare la memoria storica, industriale e tecnologica, i musei vogliono essere un punto di riferimento culturale per le nuove generazioni e per i territori in cui sono situati.

Promossi da volontari e seniores, per rivolgersi in particolar modo ai giovani, il ‘Sistema Museale’ intende essere uno strumento di conoscenza di quell’evoluzione tecnologica che è parte del presente e soprattutto del nostro futuro. Come un immaginario ponte da attraversare, qui si racconta quel progresso di cui, ancora oggi, Leonardo è protagonista.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy