24 novembre 2020

È l'arroganza il lato peggiore del potere: parola di Testori

  • Di Luigi Mascheroni

Peggiore della meschinità, dell'ignoranza e persino della volgarità

Peggiore della meschinità, dell'ignoranza e persino della volgarità. Chi, dovendo scegliere quale cancellare fra gli atteggiamenti umani più insopportabili, non indicherebbe l'arroganza?

Quando nel 1977, per celebrare i venticinque anni di attività, la rivista Civiltà delle Macchine, fondata da Leonardo Sinisgalli e in quel momento diretta da Francesco d'Arcais, propose ai grandi scrittori dell'epoca di redigere una voce per un'antologia di parole-chiave, mentre Carlo Cassola pescava dal mazzo «Alternativa» o Luigi Malerba «Subalterno», Giovanni Testori colse la malapianta dell'«Arroganza» (che oggi rispunta stampata in un prezioso volumetto: Giovanni Testori, L'arroganza, Henry Beyle, pagg. 36, euro 20). Ecco l'incipit, la cui altezza linguistica è pari solo al furore dello scrittore, del drammaturgo, del regista, cioè dell'uomo: «S'agita l'arroganza, tacchina petulante, sul piccolo trono che s'è eretto nell'umano pollaio; batte e ribatte i tacchetti; s'irrita; stridula grida; ove pur tenti d'imitar l'uragano, sempre sarà, il suo, e soltanto, stridio».

Leonardo Sciascia, che firmò il testo introduttivo alla scelta di quelle voci d'autore, nella sua definizione di «Arroganza», scriveva: «Qualità intrinseca al potere; a meno che non sia esercitato da noi: cioè da coloro che dicono arrogante l'esercizio altrui del potere».

Sorella della Superbia, madre della Presunzione, figlia dell'Orgoglio, l'Arroganza - manifestazione di un malriposto senso di superiorità nei confronti dell'altro - è il comportamento altezzoso, sprezzante e talora violento che in effetti caratterizza chi detiene il potere. Ossia: molto spesso i politici. Da sempre gli intellettuali. Ultimamente gli scienziati. Tutte categorie imbattibili quando c'è da dare prova di vanità, ipocrisia, presunzione, superficialità, incoerenza. Non è un caso che l'arrogante è colui che sbaglia di più, senza mea culpa. Come la politica e la scienza ultimamente stanno dimostrando ogni giorno. Al Paese non aiuterebbe meno spocchia e più umiltà?

«Tacchina» che «agita tra le zampe una sorta di bastoncino o bacchetta, a mo' di direttore delle sociali orchestre», l'Arroganza - come la dipinge Testori - «apre il becco al canto, e reclama per sé i diritti, li esige tutti».

Regina del pollaio, l'Arroganza perde le piume, ma non il vizio. Fra i quali è il peggiore e il più antisociale.

Pensiamoci. Nulla come il politico arrogante - presumendo troppo di sé e volendo fare sentire la propria superiorità - arreca più danni alla società e offende maggiormente il cittadino. Più ancora dell'inadeguatezza, della stupidità, dell'incompetenza. Il guaio, dimostra la Storia, è che gli arroganti hanno sempre la meglio. Ecco perché sono al potere.

Articolo pubblicato su "Il Giornale" del 23 novembre 2020

Condividi sui Social

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Novembre 2020

L’ultimo numero dell’anno ha come focus principale l’impatto che il 5G avrà sulla nostra società: dagli sviluppi geopolitici alle sfide che le nuove tecnologie impongono alle democrazie. L’editoriale di Enrico Savio ci introduce alla nuova civiltà digitale; il tempo è al centro delle riflessioni, tra gli altri, di Gianfranco Pasquino, Lucetta Scaraffia e Tiziana Lippiello.

Sistema Museale

Il Sistema Museale Integrato si presenta quale realtà unica in Italia comprendente musei, archivi storici e altre realtà espositive proprietà di Leonardo, con l’obiettivo di valorizzare e comunicare la memoria storica e tecnologica del Gruppo.

Con il patrimonio industriale che custodiscono, i Musei e gli Archivi vogliono essere un punto di riferimento culturale per rafforzare l’identità di Gruppo e promuoverla come valore all’esterno.

Il Sistema Museale intende diffondere quell’evoluzione tecnologica che è parte del presente e soprattutto del nostro futuro. Promossi da volontari e seniores, per rivolgersi in particolar modo ai giovani, i musei e gli archivi sono strumenti per la permanenza di una storia nella società, conservandone e tramandandone i valori. Come ponti immaginari da attraversare, qui si racconta quel progresso di cui, ancora oggi, Leonardo è protagonista.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy