21 marzo 2020

Il bisogno di comunicare. Dalla penna allo smartphone

  • Di Lorenzo Fiori

“Siamo in guerra…ma il nemico è invisibile”, dicono tutti ed è proprio così

In questo tempo emergenziale e incredibilmente ansiogeno, sotto un bombardamento mediatico h24 senza precedenti, capita - per esempio grazie ad un “vecchio” ricordo - di fermarsi un attimo e riflettere nel proprio “rifugio” mentale.

Qui, a Genova, in Fondazione Ansaldo ci sono tanti ricordi di un passato che copre la storia d’Italia, come nazione, dal 1860 fino alla recente contemporaneità: documenti, foto, cortometraggi, testimonianze che raccontano quanto il mondo sia cambiato e continui a cambiare, sempre più velocemente.

Villa Cattaneo dell'Olmo, Genova. Sede della Fondazione Ansaldo

Villa Cattaneo dell'Olmo, Genova. Sede della Fondazione Ansaldo

Ieri, nel silenzio della Villa Cattaneo dell’Olmo, lungo il Polcevera vicino al nuovo Ponte che prende sempre più forma e completezza, icona della ripartenza di una città dopo una grande tragedia, mi imbatto in queste due pubblicità d’epoca, della prima guerra mondiale. Incredibilmente significative del bisogno di comunicare, di sentirsi vicini, allora differito nel tempo e soggetto alla censura militare tra chi stava al fronte a combattere il nemico visibile e chi, nel paese di origine, palpitava per la sua sorte.

Oggi, comunicare è invece libero, in tempo reale, individualmente ma anche pluralisticamente e multilateralmente.

Un fatto però non cambia ed è il bisogno, da sempre irrinunciabile, del genere umano di comunicare e di sentirsi vicini condividendo emozioni talvolta frivole, molte volte profonde, di riscoprire le proprie radici e la propria identità, non soltanto quella familiare e delle amicizie ma anche quella nazionale.

Non più una penna - e una carta con busta e francobollo - ma un telefonino con sim e app per combattere il nemico invisibile e condividere la speranza di un domani, quanto prima e presto, di ritorno alla normalità: “#celafaremo”, dicono tutti e sarà proprio così.

Condividi sui Social

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Maggio 2020

Quali saranno le conseguenze economiche, politiche e sociali della pandemia? È questo il focus del nuovo numero della rivista che vede gli interventi, tra gli altri, di Chiara Saraceno, Michele Fusco,Emanuele Felice e Francesco Grilllo. In apertura, inoltre, l’intervista al premio Nobel della fisica 2019 Didier Queloz.

Sistema Museale

Il Sistema Museale Integrato si presenta quale realtà unica in Italia comprendente musei, archivi storici e altre realtà espositive proprietà di Leonardo, adiacenti ai siti produttivi. Con l’obiettivo di valorizzare e comunicare la memoria storica, industriale e tecnologica, i musei vogliono essere un punto di riferimento culturale per le nuove generazioni e per i territori in cui sono situati.

Promossi da volontari e seniores, per rivolgersi in particolar modo ai giovani, il ‘Sistema Museale’ intende essere uno strumento di conoscenza di quell’evoluzione tecnologica che è parte del presente e soprattutto del nostro futuro. Come un immaginario ponte da attraversare, qui si racconta quel progresso di cui, ancora oggi, Leonardo è protagonista.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy