19 settembre 2019

Leonardo Sinisgalli è tornato, con noi

Presentazione della rivista “Civiltà delle Macchine”

Leonardo Sinisgalli incontra a Matera, il 19 settembre, la sua “Civiltà delle Macchine”, la storica rivista fondata nel 1953 che ha rappresentato, per molti anni, un ponte tra la cultura umanistica e quella scientifica.

È un incontro virtuale, ovviamente, organizzato dalle Fondazioni Leonardo-Civiltà delle Macchine e Leonardo Sinisgalli, con la collaborazione della Fondazione Matera- Basilicata 2019 e del Polo Museale della Basilicata.

L’evento nasce per celebrare un grande innovatore, che ha coniugato visione umanistica e visione tecnologico-industriale, nella sua Lucania e nell’anno che vede Matera capitale europea della cultura.

Leonardo Sinisgalli ci ha lasciato le sue poesie, le sue invenzioni pubblicitarie, i suoi scritti sulla matematica e la rivista che ha raccontato la storia della scienza e dell’umanesimo. L’intellettuale meridionale più cosmopolita, Sinisgalli, è tuttora il punto di riferimento della nuova edizione di “Civiltà delle Macchine”, una rivista che vuole parlare al mondo, a poeti e scienziati, a studiosi, a ragazze e ragazzi. Scriveva amaramente Sinisgalli “Ahimé, in queste nostre riviste c’è così poco posto per la tenerezza”. “Civiltà delle Macchine”, nata nel giugno scorso, cerca di colmare anche questa lacuna.

Nel secondo numero della rivista l’incontro con la scienza avviene attraverso le parole di Fabiola Gianotti, i saggi sull’agricoltura di precisione ma anche nel racconto della storia di Giulietta, l’eroina dolente e la vettura velocissima che stupì il mondo. Si parla di filosofia, di rapporto fra musica e scienza ma anche di calcio e volley che non possono più prescindere dagli algoritmi. Il multiforme genio di Sinisgalli ha trovato nuova vita in questa rivista che sa d’antico ma parla il linguaggio della modernità.

Nel corso dell’evento, che si terrà presso il Museo Ridola, alle ore 11.00, dopo i saluti dell'assessore alla Cultura e Innovazione di Matera, Giampaolo D'Andrea, si incontreranno Peppino Caldarola, direttore della rivista “Civiltà delle Macchine”, Lorenzo Fiori, direttore Fondazione Leonardo-Civiltà delle Macchine, Marta Ragozzino, direttrice del Polo Museale della Basilicata, Paolo Verri, direttore della Fondazione Matera-Basilicata 2019, Mario Di Sanzo e Biagio Russo, rispettivamente presidente e direttore della Fondazione Leonardo Sinisgalli.

I testi di Sinisgalli saranno letti dall’attrice Eva Immediato, mentre i brani musicali saranno a cura di Simone Spadino Pippa (violino) e Alessandro Bove (pianoforte).

Scriveva amaramente Sinisgalli “Ahimé, in queste nostre riviste c’è così poco posto per la tenerezza”. “Civiltà delle Macchine”, nata nel giugno scorso, cerca di colmare anche questa lacuna.

Condividi sui Social

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Maggio 2021

Per ricostruire il paese serve un nuovo rapporto tra testa e mani. Per far ciò è necessario superare il gap formativo esistente tra le competenze scientifiche e quelle umanistiche. Il secondo numero del 2021 di Civiltà delle Macchine è dedicato alle prospettive che si aprirebbero con una trasformazione degli istituti tecnici in licei tecnologici, strumenti fondamentali per il perseguimento di un nuovo umanesimo digitale. Sono intervenuti, tra gli altri, Danco Singer, Marianna Madia, Barbara Frandino, Luciano Floridi, Paolo Crepet, Francesco Palmieri e Antonio Manzini.

Sistema Museale

Il Sistema Museale Integrato si presenta quale realtà unica in Italia comprendente musei, archivi storici e altre realtà espositive proprietà di Leonardo, con l’obiettivo di valorizzare e comunicare la memoria storica e tecnologica del Gruppo.

Con il patrimonio industriale che custodiscono, i Musei e gli Archivi vogliono essere un punto di riferimento culturale per rafforzare l’identità di Gruppo e promuoverla come valore all’esterno.

Il Sistema Museale intende diffondere quell’evoluzione tecnologica che è parte del presente e soprattutto del nostro futuro. Promossi da volontari e seniores, per rivolgersi in particolar modo ai giovani, i musei e gli archivi sono strumenti per la permanenza di una storia nella società, conservandone e tramandandone i valori. Come ponti immaginari da attraversare, qui si racconta quel progresso di cui, ancora oggi, Leonardo è protagonista.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy