12 novembre 2019

Taranto come Linz

  • Di Antonello Caporale

Una gita di un giorno. L’intero governo sull’aereo :destinazione Linz, un’ora da Vienna in Austria.

Linz trent’anni fa era la città più inquinata del Paese, capitale storica della siderurgia. Trent’anni fa avvelenava i borghi che la circondano, proprio come Taranto.

E come a Taranto l’acciaio più che un’industria era il simbolo, il padre e la madre della città. Cinquantamila dipendenti sparsi in tuto il mondo, cinque milioni di tonnellate prodotte.

Hanno infine deciso di fare la cosa giusta. Di imporre il rigore ambientale, hanno capito che all’acciaio non si poteva dire di no ma nemmeno alla salute. Azienda trasformata, la migliore tecnologia ha ridotto fino a renderle compatibile con la salute le immissioni in aria. Linz oggi è sotto controllo. E’ pulita senza aver dovuto rinunciare alla sua ricchezza.

Linz ieri era come Taranto? Certamente sì.

E Taranto domani potrà diventare come Linz? Certamente sì.

Allontanare la città dalla fabbrica anzitutto. Delocalizzare il quartiere di Tamburi, creare un cuscinetto verde, promuovere un processo profondo di rigenerazione urbana. Un nuovo assetto urbanistico verso est, il recupero e la valorizzazione del magnifico centro storico, oggi parecchio degradato. Parallelamente procedere con la bonifica dell’impianto, sapendo che altra strada non c’è. Anche spento l’altoforno inquinerebbe. Perciò è necessario coniugare lavoro e salute.

E i soldi? In cassa c’è quasi un miliardo e mezzo di euro, somma confiscata dalla Procura di Milano ai Riva e destinata alle opere di bonifica.

Non è molto ma non è neanche poco.

Realizzare a Taranto una esposizione universale della scienza e della tecnologia. Produrre per il mondo un modello di città che accetta l’industria pesante senza perire sotto di essa, significherebbe dare al Sud un proscenio che oggi è perduto, una visibilità ora oscurata. Un sogno.

Condividi sui Social

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Maggio 2020

Quali saranno le conseguenze economiche, politiche e sociali della pandemia? È questo il focus del nuovo numero della rivista che vede gli interventi, tra gli altri, di Chiara Saraceno, Michele Fusco,Emanuele Felice e Francesco Grilllo. In apertura, inoltre, l’intervista al premio Nobel della fisica 2019 Didier Queloz.

Sistema Museale

Il Sistema Museale Integrato si presenta quale realtà unica in Italia comprendente musei, archivi storici e altre realtà espositive proprietà di Leonardo, adiacenti ai siti produttivi. Con l’obiettivo di valorizzare e comunicare la memoria storica, industriale e tecnologica, i musei vogliono essere un punto di riferimento culturale per le nuove generazioni e per i territori in cui sono situati.

Promossi da volontari e seniores, per rivolgersi in particolar modo ai giovani, il ‘Sistema Museale’ intende essere uno strumento di conoscenza di quell’evoluzione tecnologica che è parte del presente e soprattutto del nostro futuro. Come un immaginario ponte da attraversare, qui si racconta quel progresso di cui, ancora oggi, Leonardo è protagonista.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy