24 maggio 2021

“THE SCIENCE OF CAN AND CAN’T. A Physicist’s Journey Through the Land of Counterfactuals”, lo sguardo di Chiara Marletto sull’Universo

  • Di Redazione

“Una volta eliminato l’impossibile, tutto ciò che rimane, per quanto improbabile, dev’essere la verità”
(Sherlock Holmes)

La Constructor Theory, o teoria della possibilità, è stata ideata da David Deutsch partendo da un approccio totalmente inedito, che non si serve delle predizioni - deterministiche o probabilistiche - tipiche della fisica ma che ragiona in termini di possibilità. Superando la contrapposizione fra teoria quantistica e relatività generale e proponendosi come una “teoria del Tutto”, la Constructor Theory vuole arrivare proprio all’eterno oggetto di ricerca di Sherlock Holmes, la verità, eliminando l’impossibile e ammettendo ciò che invece sembra assolutamente improbabile.

Con David Deutsch collabora una giovane ricercatrice torinese Chiara Marletto che, dopo aver studiato al Politecnico di Torino, sua città natale, vince un dottorato di ricerca a Oxford dove inizia a lavorare con il padre del computer quantistico.
«In questa teoria – spiega Marletto - una trasformazione è impossibile se le leggi della fisica la proibiscono. Altrimenti essa è possibile: ovvero, può esistere un oggetto che causa la trasformazione e mantiene nel tempo questa capacità». Questo oggetto è appunto un constructor, ad esempio, la cellula. Quindi la domanda diventa: la replicazione e l’autoriproduzione sono possibili anche se le leggi fisiche elementari non le prevedono? La teoria della possibilità risponde di sì.

Con “THE SCIENCE OF CAN AND CAN’T. A Physicist’s Journey Through the Land of Counterfactuals”, pubblicato il 4 maggio scorso, Chiara Marletto va ancora oltre nella ricerca affermando che esiste una vasta classe di proprietà, finora trascurate dalla scienza, che si riferiscono non solo a ciò che è vero - il reale - ma a ciò che potrebbe essere vero: il controfattuale.

Nel libro esplora la straordinaria promessa che questo approccio rivoluzionario offre per affrontare le sfide tecnologiche esistenti, dalla fornitura di processori di nuova generazione alla progettazione dell'IA. E, contemplando il possibile oltre che il presente, la Marletto va ancora più in profondità, mostrando come i controfattuali possano abbattere le barriere alla conoscenza e formare un'immagine più completa, abbondante e gratificante dell'universo stesso.

Condividi sui Social

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Maggio 2021

Per ricostruire il paese serve un nuovo rapporto tra testa e mani. Per far ciò è necessario superare il gap formativo esistente tra le competenze scientifiche e quelle umanistiche. Il secondo numero del 2021 di Civiltà delle Macchine è dedicato alle prospettive che si aprirebbero con una trasformazione degli istituti tecnici in licei tecnologici, strumenti fondamentali per il perseguimento di un nuovo umanesimo digitale. Sono intervenuti, tra gli altri, Danco Singer, Marianna Madia, Barbara Frandino, Luciano Floridi, Paolo Crepet, Francesco Palmieri e Antonio Manzini.

Sistema Museale

Il Sistema Museale Integrato si presenta quale realtà unica in Italia comprendente musei, archivi storici e altre realtà espositive proprietà di Leonardo, con l’obiettivo di valorizzare e comunicare la memoria storica e tecnologica del Gruppo.

Con il patrimonio industriale che custodiscono, i Musei e gli Archivi vogliono essere un punto di riferimento culturale per rafforzare l’identità di Gruppo e promuoverla come valore all’esterno.

Il Sistema Museale intende diffondere quell’evoluzione tecnologica che è parte del presente e soprattutto del nostro futuro. Promossi da volontari e seniores, per rivolgersi in particolar modo ai giovani, i musei e gli archivi sono strumenti per la permanenza di una storia nella società, conservandone e tramandandone i valori. Come ponti immaginari da attraversare, qui si racconta quel progresso di cui, ancora oggi, Leonardo è protagonista.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy