22 febbraio 2021

Tutto è relativo?

  • Di Lorenzo Garbarino Necci

Quando si chiede alla maggior parte delle persone cosa affermi la teoria della relatività di Albert Einstein, spesso si sente la seguente risposta, pronunciata con tono convinto: “Semplice, tutto è relativo.”

Per fortuna, non è esattamente così. Anzi, mentre si può dire che la fisica quantistica “distrugga” le nostre certezze senza ricrearne altre, lasciandoci avvolti in una nube di mere probabilità, la teoria einsteiniana ribalta le nostre convinzioni, ma ce ne offre di nuove.

Nel mondo razionalista del pre-Novecento, i concetti di spazio e tempo erano fissi, immutabili, dati per acquisiti, a tal punto che nessuno aveva mai pensato di metterli in discussione. In effetti, riconsiderarli voleva dire rivedere la visione della realtà, mentre come specie non siamo sempre inclini a farlo. Solo il genio, il grande talento, può dare la spinta vitale verso una nuova, inesplorata direzione, nascosta agli occhi degli altri perché scomoda o apparentemente troppo evidente.

E così, con una serie di esperimenti ed equazioni matematiche piuttosto semplici – tanto che uno studente delle medie potrebbe capirli – Einstein ha capovolto i due pilastri su cui si fondava tutto. Ha dimostrato che il tempo e lo spazio sono relativi rispetto a chi li sta osservando: per un individuo che viaggia a una velocità prossima a quella della luce, il tempo scorre molto più lentamente che per un altro fermo sulla Terra. È il famoso esempio dei gemelli: se uno parte per un viaggio interspaziale, tornerà sulla Terra più giovane rispetto all’altro.

Non soddisfatto, Einstein va oltre; ci conforta spiegando che esiste qualcosa di certo. Nella fusione di spazio e tempo, nel cosiddetto “continuum spazio-temporale” (una quarta dimensione che non possiamo percepire, ma che permea di sé tutta la realtà), niente dipende più dall’osservatore, essendo assoluto in ogni punto dell’universo. Dunque, non è propriamente esatto affermare che tutto sia relativo.

Lo stesso tema si può applicare ai nostri giorni, dove sembrano essersi smarrite le fondamenta che reggevano la nostra visione del mondo. In effetti, va sempre più di moda il cosiddetto “relativismo culturale”, che si sta espandendo rapidamente in tutto il globo. Questa scuola di pensiero sostiene che sia impossibile giudicare o criticare pratiche di altre culture, in quanto tutti i valori sono relativi. Tuttavia, la dissoluzione di ogni punto di riferimento non porta affatto a una conoscenza più coerente e armoniosa, bensì lascia l’essere umano in uno stato di incertezza che può condurre a derive paradossali, come la demolizione delle statue.

Molte cose possono essere relative, ma soltanto se partono da un presupposto assoluto, proprio come la “più bella delle teorie”, quella della relatività.

Condividi sui Social

Ultimo numero Civilità della Macchine

La Rivista - Civiltà delle Macchine

Febbraio 2021

Il primo numero del 2021 è un viaggio linguistico nella parola democrazia. Le quattro sezioni della rivista analizzano le diverse sfumature del rapporto tra il regime democratico e le sue possibili declinazioni in campo poetico, politico, economico e scientifico. Sono intervenuti, tra gli altri, Valerio Magrelli, Andrea Cortellessa, Angelo Panebianco, Sofia Ventura, Pietro Reichlin, Valeria Termini, Marcella Panucci, Laura Boella e Antonio Pascale.

Sistema Museale

Il Sistema Museale Integrato si presenta quale realtà unica in Italia comprendente musei, archivi storici e altre realtà espositive proprietà di Leonardo, con l’obiettivo di valorizzare e comunicare la memoria storica e tecnologica del Gruppo.

Con il patrimonio industriale che custodiscono, i Musei e gli Archivi vogliono essere un punto di riferimento culturale per rafforzare l’identità di Gruppo e promuoverla come valore all’esterno.

Il Sistema Museale intende diffondere quell’evoluzione tecnologica che è parte del presente e soprattutto del nostro futuro. Promossi da volontari e seniores, per rivolgersi in particolar modo ai giovani, i musei e gli archivi sono strumenti per la permanenza di una storia nella società, conservandone e tramandandone i valori. Come ponti immaginari da attraversare, qui si racconta quel progresso di cui, ancora oggi, Leonardo è protagonista.

Leggi Tutto
Copyright © 2019 Leonardo S.p.A. Privacy & Cookie Policy